.
Annunci online

balloon
Il segreto della felicità è avere tre cose in cui credere e niente di cui avere paura


Diario


23 ottobre 2008

Chi ci rimette? Chi si dimette?

 


Parlavo con un'amica a telefono sulla crisi delle banche... in realtà non è la crisi delle banche, è la crisi del sistema economico capitalista, è il game over della globalizzazione. Ancora una volta, come la storia ci insegna e come noi esseri umani continuiamo ad ignorare, non è l'idea di per se stessa ad essere sbagliata, ma l'uso improprio che se ne fa. Quando si parlava di globalizzazione ricordo i commenti di mio padre sull'idea di farsi recapitare a casa le prugne secche appena confezionate direttamente dalla California. Oggi invece importiamo il nostro stesso latte arricchito dalla melanina cinese sotto forma di merendine. Sarò scema ma a me sembrano 2 le possibili alternative: o si è fatto uno sbaglio nella gestione dell'economia mondiale, o ci hanno sparato cavolate su quanto fosse bella la globalizzazione che faceva del mondo una sola città senza motivo. Tra le due, scegliere non saprei.
Quello che la mia amica non capiva era che non erano le banche a guadagnarci nella bancarotta (lo dice stesso la parola) ma qualcun altro. Chi? Le stesse persone che hanno guadagnato speculando in borsa con soldi virtuali, creando continuamente bolle finanziarie.
Faccio un esempio terra terra: i 7 nani hanno trovato un filone diamantifero gigantesco nella loro miniera. Ogni diamante che trovano è più grande del precedente e si lasciano prendere dall'avidità. Scavano scavano picchettano picchettano e non si curano di lasciare nella cava pilastri che possano sostenere la cava. Scavano scavano picchettano picchettano e trovano sempre più diamanti, sempre più grandi. Ad un certo punto, presi dalla foga di scavare per arricchirsi, dimenticano di portare con loro la gabbietta col canarino, che i minatori usano per controllare la salubrità dell'aria. Si portano sempre più avanti nei lavori, ma, ad un certo punto, la miniera crolla su se stessa e i massi giganteschi cadono e uccidono i 7 nani. Ecco, questa è sostanzialmente la crisi delle minier...ehm, dell'economia. (Secondo me Tremonti porta sfiga a livello mondiale)

Questa crisi forse non ci riguarda ora, ma col tempo ricadrà su tutti noi indistintamente. Spiego: le banche hanno perso denaro. Devono perciò guadagnarne altrettanto e riprendersi. Le aziende quotate in borsa sono crollate, idem. Come fare? Semplice: pagare meno i lavoratori, aumentando i prezzi dei prodotti e dei servizi. Chi pagherà dunque? Noi, che verremo pagati meno e dovremo pagare di più. Ma, dulcis in fundo, non è finita qui. Il governo ha deciso di promuovere una mozione per aiutare le banche e sostenere le azioni (chissà se c'entrano alcune azioni della mediaset, che sono anche loro crollate nel mercato azionario...) Saremo dunque costretti a rimetterci 2 volte: una dalle tasse (i nostri soldi andranno ad arricchire direttamente le tasche degli imprenditori che hanno fatto bancarotta speculando in borsa) e sul caro vita. Per non parlare del fatto che chi ha sbagliato non paga ed anzi viene premiato coi soldi pubblici e magari promosso in parlamento: da portaborse a portavoce, chissà... si può far carriera!

Somiglia tanto ad un'altra CAI... che tristezza!

sfoglia            novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

diario
politica
black notes
Napoli

VAI A VEDERE

@inFORUMiamo
Marco Travaglio
Roberto Saviano
Dario Fo
Beppe Grillo
Sabina Guzzanti
Daniele Luttazzi
Annozero
Il Manifesto
Il Giornale
La Voce
L'Unità
La Repubblica
Corriere della sera
Silvio Berlusconi
Antonio Di Pietro
Lilin on Deviantart



gambling Free polls

voglio scendere

No TAV

Free Blogger

La Casta dei giornali

Basta! Parlamento pulito

Iscriviti al Vaffanculo Day

Sms gratis da cellulare
Invia sms gratis da web.

CERCA